venerdì 16 ottobre 2009

Aggiornamento al 30 settembre 2009 nuove classe di concorso docenti

Il regolamento sulle nuove classi di concorso, in vigore dall'a.s. 2010/11, così come presentate al CNPI nella versione del 30 settembre 2009
Il Regolamento è formato da 8 articoli

Art. 1 e Art. 2: nell'allegato A e C sono definite le nuove classi di concorso a cattedra e a posti di insegnante tecnico pratico, con i relativi numeri ed insegnamenti.
A ciascuna classe di concorso sono rapportate le attuali classi di concorso, disciplinate dal dm 39/98

Art. 3 Titoli accesso

Sono quelli previsti:

dal dm 39/98 e successive modificazioni
dal dm 22/05
dal dm 270/04
dall'allegato B per le classi di concorso di nuova istituzione

Art. 4 Utilizzo del personale su posti disponibili nelle classi di concorso

Il personale a tempo indeterminato in esubero nella propria classe di concorso nella provincia in cui presta servizio è assegnato, nell'ambito della stessa provincia in:

a) posti rimasti disponibili in altri gradi d’istruzione o altre classi di concorso, anche quando il docente non è in possesso della relativa abilitazione o idoneità all’insegnamento, purché il medesimo possegga il titolo di studio valido, secondo la normativa vigente, per l’accesso all’insegnamento nello specifico grado d’istruzione o per ciascuna classe di concorso.

b) posti di sostegno disponibili all’inizio dell’anno scolastico, nei casi in cui il dipendente disponga del previsto titolo di specializzazione.

c) frazioni di posto disponibili presso gli istituti scolastici, assegnate prioritariamente dai rispettivi dirigenti scolastici al personale in esubero nella medesima provincia e classe di concorso o che si trovi in situazioni in cui si applichino le lettere a) e b), purché detto personale non trovi diversa utilizzazione ai sensi delle medesime lettere. Le assegnazioni di cui al periodo precedente sono effettuate dai dirigenti scolastici sulla base del piano di utilizzo predisposto dagli Uffici Scolastici Regionali ai sensi del comma 3.

d) posti che dovessero rendersi disponibili durante l’anno scolastico, prioritariamente assegnati al personale della medesima provincia in esubero nella relativa classe di concorso o che si trovi in situazioni in cui si applichino le lettere a) e b), purché detto personale non sia già diversamente utilizzato ai sensi delle lettere a), b) e c).

e) il personale in esubero che non trovi utilizzazione ai sensi delle lettere a), b), c) e d), è utilizzato a disposizione per la copertura delle supplenze brevi e saltuarie che dovessero rendersi disponibili nella medesima provincia nella medesima classe di concorso ovvero per posti a cui possano applicarsi le lettere a) e b).

Stipendio
Per la durata dell’utilizzazione il dipendente assegnato ad un posto ai sensi del comma precedente percepisce lo stipendio proprio dell’ordine di scuola in cui è impegnato, qualora superiore a quello già in godimento. Nei casi di cui alla lettera e), la differenza è erogata dall’istituto scolastico in cui è prestato il servizio, a valere sulla dotazione finanziaria a tal fine assegnata all’istituto stesso. Negli altri casi, la differenza a favore del dipendente è erogata a mezzo dei ruoli di spesa fissa.

Art. 5 Decorrenza

Si comincia a partire dall'a.s. 2009/10

Art. 6 Norme transitorie
I docenti che si trovano inseriti in classi di concorso più ampie sono abilitati per tuttu gli insegnamenti compresi nelle nuove classi e partecipano ai corsi di riconversione non abilitanti.

I docenti in possesso di abilitazione o idoneità per le classi di concorso del pregresso ordinamento permangono nelle Graduatorie ad esaurimento, da cui è possibile aspirare a nomine a tempo indeterminato e determinato. Analogamente permangono i docenti inseriti nelle graduatorie dei concorsi a cattedra indetti con dm 23/03/90 e DD 31/03/99 e DD 01/04/99.

I docenti inseiriti nella III fascia delle Graduatorie di istituto permangono in tali graduatorie fino al conseguimento dell'abilitazione per le classe di concorso di nuova istituzione; ad essi sono attribuibili solo le cattedre e i posti relativi agli insegnamenti per i quali sono in possesso dei titoli di accesso del pregresso ordinamento.

Per le operazioni di mobilità e utilizzazione si utilizza la tabella di corrispondenza tra abilitazioni e ambiti disciplinari di cui all'all. 2 del dm 354/98

Art. 7 Scuole lingua slovena
Le disposizioni del decreto si applicano anche per le scuole in lingua slovena.

Art. 8 Disposizioni finali e abrogazioni
Il decreto entra in vigore dal giorno successivo alla pubblicazione in GU.
Il decreto non comporta nuovi o maggiori oenai a carico della finanzia pubblica.
Sono abrogate tutte le disposizioni non legislative incompatibili con quelle del presente decreto

Nessun commento:

Posta un commento

Grazie per la visita e per il commento! Hvala za obisk!
*************************************************************